Claudia ci racconta la sua esperienza di scambio casa!

Claudia, membro di GuestToGuest, ci racconta la sua esperienza con lo scambio casa!

Claudia ha deciso di raccontarci la sua esperienza di scambio casa in Puglia. Anche lei ha condiviso le stesse emozioni vissute dagli altri nostri membri. “E’ stato diverso: Sembra di comprendere un pò di più il luogo visitato” .

Ecco la sua testimonianza per intero in merito al suo ultimo scambio a Bari, Puglia.

 

Su GuestToGuest Claudia si descrive come un’insegnante che adora viaggiare. Ama sia la pace della campagna che la vita frizzante delle metropoli.

Quale destinazione hai scelto per il tuo scambio? “Siamo stati in Puglia, in un Trullo“.

 

Tipica costruzione a forma conica in pietra a secco, il trullo è forse una delle immagini più rappresentativa della Puglia.

I trulli esistono da diverse centinaia di anni, si tratta di una delle strutture più antiche risalenti fino al diciasettesimo secolo. Probabilmente sono stati inizialmente concepiti come delle case temporanee per il fatto che, essendo costruite in pietra a secco, potevano essere smantellate con facilità. E lo sapete perchè? Alcuni dicono che la gente del luogo lo faceva per evadere il fisco! Ebbene sì, smantellavano tutto prima che arrivasse l’esattore delle tasse! Poi, non appena l’esattore se ne andava, i trulli venivano ricostruiti per poter accogliere nuovamente i loro abitanti.

Gran parte della città di Alberobello, in provincia di Bari, è costituito da trulli.

 

Claudia è riuscita a trovare il suo scambio casa “Scorrazzando sul sito“. Ma alloggiare presso un trullo in Puglia è da sempre stato il suo sogno. Fin da bambina, infatti, sognava di dormire in una di quelle case che ricordano, per la forma, quelle dei puffi.

L’host di Claudia, Giuseppe, è stato super gentile con lei fin dal primo messaggio. A detta di Claudia “E’ stato supergentile e disponibile con una come me alla sua prima esperienza su GuestToGuest“.

“La casa-trullo è ancora più deliziosa e impeccabilmente ristrutturata di quanto non appaia sul sito. I genitori di Giuseppe ci hanno offerto ogni prodotto della loro campagna. Un’accoglienza sincera nella terra degli ulivi”

 

Abbiamo chiesto a Claudia che cosa le avesse colpito di più di tutto il suo viaggio. La sua risposta è stata davvero toccante, come del resto lo è sempre ogni qual volta poniamo ai nostri membri questa domanda:

E’ stato diverso: Sembra di comprendere un pò di più il luogo visitato. Insomma, la differenza fra turista e viaggiatore. La cultura contadina pugliese ha molto da insegnare quanto a semplicità e funzionalità miste ad estetica, concetto sintetizzato mirabilmente dai Trulli“.

Ancora una volta noi di GuestToGuest puntiamo a far comprendere ai nostri membri l’importanza della differenza esistente tra l’essere un semplice turista e un vero e proprio viaggiatore. I nostri membri non sono dei semplici turisti, vivono l’esperienza del viaggio come dei veri e propri locals.

Le località esplorate da Claudia sono state le seguenti:

  • Locorotondo (“Imperdibile borghetto da incorniciare”);
  • Martina Franca (“Il trionfo del barocco pugliese”);
  • Alberobello (“Trullallero trullallà, la magia di centinaia di casette di pietra”);
  • Il mare di Savelletri e la lucana Matera (“Ferita dell’Umanità a detta della nostra guida”).

Claudia, qual è il ricordo più bello di tutta la tua vacanza?

Come sempre il ricordo più ricordo di tutti non è programmato ma ti coglie di sorpresa. Non puoi resistergli. In questo caso si è trattato dei Giardini di Pomona. Un conversatorio botanico. Non mi prendete per pazza! E’ veramente un conversatorio: Ci troverete infinite varietà di tutto il Mondo e l’esperienza mista a un Amore e Rispetto profondi per la Biodiversità. Il proprietario è di una simpatia unica e guida i non adepti nell’approccio alla Natura e ai suoi infiniti e sconcertanti insegnamenti. Il “Labirinto di lavanda” è una chicca: 500 Mt a piedi in doveroso silenzio ma accarezzando le piantine di lavanda poste in cerchi concentrici a simboleggiare il cammino tortuoso verso la Pax. Al centro: Un kaki di Nagasaki, figlio di un albero sopravvissuto all’atomica. In primavera sarà ancora più suggestivo… Provare per credere tanto più che camminando nei 10000 ettari si assaggiano fichi, pesche e susine colte all’istante!

 

GuestToGuest ci tiene a rigraziare ancora una volta Teresa per aver condiviso la splendida esperienza che ha potuto vivere grazie allo scambio casa!

Date anche un’occhiata agli scambi effettuati da Teresa e da Elisabetta.

Allora sei pronto a raccontarci il tuo scambio? E se non hai mai provato lo scambio casa… questa potrebbe essere l’occasione giusta!